-
Tempo medio di lettura 4'

L’addebito della separazione: quando chiederlo?

Pubblicato in: Famiglia
by Mariasole Trotta
Home > L’addebito della separazione: quando chiederlo?

Con l’addebito, il Giudice sanziona il coniuge che si è reso responsabile della rottura della relazione coniugale.

Gli effetti dell’addebito della separazione sono di natura economica. Infatti, il coniuge al quale venga addebitata la separazione perde il diritto all’assegno di mantenimento.

Inoltre l’addebito fa perdere anche i diritti successori nei confronti dell’altro coniuge. E’ comunque fatto salvo il diritto di ricevere gli alimenti qualora ne ricorrano i presupposti di legge.

Ma quali sono questi comportamenti  che possono convincere il giudice a dichiarare l’addebito della separazione?

La fedeltà e gli altri doveri nascenti dal matrimonio

L’art. 143 del Codice Civile specifica i diritti e i doveri dei coniugi. Essi sono:

  • la fedeltà coniugale,
  • la reciproca assistenza morale e materiale,
  • la collaborazione nell’interesse della famiglia,
  • la coabitazione.

Inoltre, entrambi i coniugi sono tenuti, ciascuno in relazione alle proprie sostanze e alla propria capacità di lavoro professionale o casalingo, a contribuire ai bisogni della famiglia.

Ma cosa accade se uno dei due coniugi, (o entrambi) non rispettano i suddetti doveri?

Vi ricordiamo che il “primo appuntamento in materia di separazione” è solo uno dei nostri servizi di assistenza dedicata in materia di separazioni e ai divorzi. La consulenza viene resa, su prenotazione, anche in videoconferenza.

Quali sono i casi di addebito della separazione?

Quando la relazione coniugale giunge al “capolinea” ciascuno dei coniugi – indipendentemente dalla volontà dell’altro – ha il diritto di chiedere la separazione.

Nello specifico, l’art 151 Codice Civile stabilisce che la separazione può essere richiesta in presenza di almeno una delle due circostanze:

  • quando si verificano fatti tali da rendere intollerabile la prosecuzione della convivenza o
  • quando si verificano fatti tali da recare grave pregiudizio all’educazione della prole.

In effetti, si tratta di definizioni molto ampie/generiche che lasciano spazio ai Giudici di valutare le effettive responsabilità di ciascuno dei coniugi. L’art.151 Codice Civile prosegue, poi, prevedendo l’istituto dell’addebito. Grazie a tale istituto, ciascuno dei due coniugi può richiedere al giudice che l’altro venga “sanzionato” perché a causa del suo comportamento contrario ai doveri nascenti dal matrimonio, la relazione coniugale è finita.

Il tipico comportamento che dà luogo alla pronuncia di addebito è il tradimento. Circostanza che è stata oggetto di molteplici pronunce della Giurisprudenza (non solo di merito).

Qual è l’ orientamento della Cassazione sull’addebito (e sul tradimento)?

La Corte di Cassazione con Sentenza n. 1136/20 ha chiarito che ai fini della pronuncia dell’addebito non è necessario che venga provata la relazione extraconiugale dell’altro coniuge.

In particolare  il Tribunale di Tivoli aveva addebitato al marito la separazione condannandolo al pagamento di un assegno mensile in favore della moglie pari ad Euro 800,00.

Il marito decise di ricorrere in appello. Anche la Corte d’Appello di Roma confermò la pronuncia di primo grado e in parziale accoglimento delle richieste della moglie aumentò l’assegno mensile a Euro 1200,00 mensili.

Non soddisfatto il marito decise di ricorrere in Cassazione. Tra gli altri motivi, il ricorrente lamentava che la Corte d’appello, con riferimento alla conferma di addebito della separazione avesse sbagliato perché:

– in realtà, era stata la moglie a causare la rottura della relazione coniugale in quanto aveva deciso di non sostenere e non seguire più il marito nel suo lavoro;

– vi era stata una sopravvalutazione di elementi indiziari (foto, intestazione di biglietti aerei) riferiti alla relazione del marito con altra donna.

La Suprema Corte di Cassazione, nel solco del suo consolidato orientamento ha ribadito che “la relazione con estranei che dia luogo a plausibili sospetti d’infedeltà rende addebitabile la separazione, quando comporti offesa alla dignità ed all’onore del coniuge, anche se non si sostanzi in adulterio”.

Per avere una consulenza personalizzata con i professionisti del nostro studio su questo argomento potere prenotare il servizio di primo appuntamento per la separazione” (la consulenza viene resa anche in videoconferenza). Per maggiori informazioni vi invitiamo a contattarci oppure a visitare la pagina del nostro sito web dedicata a separazioni e divorzi.

Data di pubblicazione: 19 Giugno 2020

Mariasole Trotta

Laureata magna cum laude all'Università degli Studi di Roma Tre, Avvocato appassionata di Diritto di famiglia.
Leggi la bio