approfondimento
-
Tempo medio di lettura 6'

Cosa dovrebbe sapere chi crea gioielli sul Diritto del Design?

Pubblicato in Autori e Copyright
da Arlo Canella
Home > Cosa dovrebbe sapere chi crea gioielli sul Diritto del Design?

Lavorando come avvocato e fornendo assistenza nel settore del design di gioielli, devo rispondere quotidianamente a una serie di domande ricorrenti. In questo breve saggio, risponderò proprio a queste domande:

  1. Cosa fa la vera differenza nel design dei gioielli?
  2. Si può copiare il design di un gioiello?
  3. Il design di gioielli è protetto dal Copyright?
  4. Il design dei gioielli può essere brevettato?

* * *

1.- Cosa fa la vera differenza nel design dei gioielli?

Lavorando spesso con designer di successo, credo che i risultati dipendano dalla fusione mistica di tre fattori: artigianato, lusso e creatività. Soprattutto quest’ultimo fattore si rivela spesso quello decisivo. 

I progetti con una visione innovativa, altamente coerente e, soprattutto, distintiva hanno maggiori probabilità di ottenere l’attenzione del pubblico.

Attraverso la consulenza di un avvocato esperto di design, è possibile ottenere risultati migliori perché:

  • i progetti vengono valorizzati e protetti in modo corretto;
  • in caso di plagio si può ottenere un risarcimento rilevante;
  • si evita di essere accusati di aver copiato creazioni altrui.

2.- Si può copiare il design di un gioiello?

Ai sensi della disciplina della concorrenza sleale è tassativamente vietata l’imitazione servile di di prodotti e segni distintivi dei concorrenti. Inoltre, esistono specifici limiti alla libertà creativa dei designer. Tali limiti sono costituiti dagli istituti giuridici più rilevanti in materia di proprietà intellettuale: copyright, marchi, brevetti, disegni e modelli.

Ma, per affrontare efficacemente il Diritto del Design, la conoscenza della Legge spesso non risulta sufficiente. La gioielleria è nata quasi tremila anni fa in Mesopotamia pertanto il settore è ormai caratterizzato da una consistente stratificazione di forme e stili. Per questa ragione un avvocato esperto in design, prima di esprimere una valutazione, dovrebbe dimostrare di essere a proprio agio almeno con le “metriche di base” che governano l’estetica di questo particolare settore.

Il Diritto del Design, infatti, è quella delicata area della proprietà intellettuale che, oltre a richiedere una profonda conoscenza della legge, richiede anche una certa dimestichezza con il design in sé.

3.- Il design di gioielli è protetto dal Copyright?

Il diritto d’autore protegge qualsiasi creazione dell’intelletto umano fintanto che è nuova e sufficientemente definita. Tuttavia, se è vero che esso nasce gratuitamente e  “automaticamente” al momento della creazione è doveroso segnalare che l’applicazione del copyright al settore della gioielleria presenta alcune criticità.

Come detto, l’affollamento delle forme in questo settore richiede ai giudici, quando si trovano a decidere se concedere la protezione o meno, una certa severità di approccio. Inoltre, in alcuni Paesi tra cui l’Italia, la tutela giuridica di un progetto di design industriale – come opera protetta dal diritto d’autore – è subordinata alla sussistenza di un ulteriore requisito, il cosiddetto “valore artistico” (cfr. art. 2, n. 10 della L. 633/1941). In Italia, in assenza di valore artistico, il design di un gioiello non può essere protetto basandosi esclusivamente sulla disciplina del Copyright.

Pertanto, piuttosto che affidarsi al diritto d’autore, gli autori e le imprese che operano nel settore, aspirando a trarre un profitto dalla commercializzazione seriale delle loro creazioni, preferiscono affidarsi alla più efficace registrazione del modello.

Ciò è dovuto al fatto che in Tribunale risulterebbe faticoso provare la paternità del design e la data esatta della sua creazione. Inoltre, sarebbe impossibile richiedere un sequestro doganale in assenza di un certificato  che attesti la titolarità del modello originale.

Per riassumere, se si vuole ottenere il diritto esclusivo di sfruttare un’idea o un progetto di gioielleria, affidarsi soltanto alla disciplina del Copyright non è certo l’approccio più corretto o più utilizzato.

Per approfondire l’argomento della proprietà intellettuale applicata al settore del gusto e dello stile, comprese le strategie adottate dalle Maison, è possibile iscriversi al Webinar live “Corso essenziale sul diritto della moda“. La prossima edizione è prevista per il 10 marzo 2022. Il corso-evento viene proposto regolarmente dallo studio, con cadenza annuale.

4.- Il design dei gioielli può essere brevettato?

Quando il valore di un prodotto di gioielleria o bigiotteria è portato in modo rilevante dal suo  concept innovativo, e non solo dal valore dei metalli e delle pietre preziose che incorpora, è molto importante ricorrere alla registrazione del design (brevetto per disegno/modello).

La tutela giuridica dipende dal deposito/registrazione presso gli uffici competenti – a scelta tra livello nazionale, comunitario o internazionale – e dura generalmente 5 anni, prorogabili per altri 5 anni fino ad un massimo di 25 anni.

Poiché la registrazione fornisce una presunzione legale della validità del titolo e della sua proprietà in capo al registrante, i nostri clienti hanno imparato sempre più spesso a sfruttare in modo sostanziale i vantaggi della registrazione. Vale inoltre la pena ricordare che la registrazione non solo garantisce protezione in caso di plagio, ma consente anche di identificare chiaramente il progetto come bene immateriale in caso di gestione contrattuale e/o sua valutazione economica.

Per dare a tutti la possibilità di valutare l’investimento – in termini di protezione legale  di un progetto originale, il nostro studio ha creato un “preventivatore” on-line. Questo strumento interattivo, rispondendo a poche e semplici domande, permette di ottenere un preventivo immediato in base alle proprie esigenze e alle peculiarità del progetto da difendere.

Riproduzione riservata ©
Data di pubblicazione: 29 Gennaio 2022
Avv. Arlo Cannela

Avvocato Arlo Canella

Managing Partner dello studio legale Canella Camaiora, iscritto all’Ordine degli Avvocati di Milano, appassionato di Branding, Comunicazione e Design.
Leggi la bio