news

-

Tempo medio di lettura 3'

La pensione di reversibilità è cumulabile con il risarcimento del danno?

Pubblicato in: Famiglia

by Mariasole Trotta

Home > Famiglia > La pensione di reversibilità è cumulabile con il risarcimento del danno?

Contattaci

HAI BISOGNO DI UNA CONSULENZA?

Contattaci subito e saremo lieti di darti il nostro supporto.

info@canellacamaiora.it

Oppure chiama: +39 02 97 38 30 76

Il coniuge superstite di una persona deceduta accidentalmente ha diritto sia al risarcimento del danno sia alla pensione di reversibilità?

Si tratta di un tema piuttosto dibattuto ultimamente in materia di diritto di famiglia. Con la quarta sentenza gemella (n. 12564/2018) le Sezioni Unite della Suprema Corte di Cassazione hanno risposto proprio a questo quesito.

Il risarcimento come “fonte di guadagno” per il danneggiato

Nel momento in cui il Giudice quantifica il danno, deve considerare tutte le possibili “conseguenza positive” che potrebbero avere origine dal fatto dannoso (si pensi ad esempio alle rendite INAIL in caso di infortunio sul lavoro).

Nel nostro ordinamento sarebbe infatti inconcepibile un ristoro più alto del danno effettivamente subito. Il risarcimento, infatti, non può costituire una fonte di guadagno per il danneggiato.

Animati da questo principio guida, vediamo con ordine cosa hanno statuito i Giudici con riferimento al quarto dei casi affrontati con le ormai famose “sentenze gemelle”.

Pensione e risarcimento possono essere sommati?

Sia il Tribunale sia la Corte d’appello di Roma respinsero la domanda di risarcimento avanzata dalla vedova di uomo deceduto in un sinistro stradale.

La domanda fu respinta per due ordini di motivi:

  1. la vedova godeva di un reddito superiore a quello del marito defunto;
  2. l’erogazione da parte dell’INPS della pensione di reversibilità escludeva l’esistenza di qualsiasi danno patrimoniale.

In questo senso, ad avviso delle Corti, il risarcimento sarebbe consistito in un guadagno per il coniuge superstite. I Giudici conclusero quindi per la detrazione del valore capitale della pensione di reversibilità dall’ammontare del risarcimento.

I figli della vedova (deceduta anche lei nel corso del giudizio) fecero però ricorso in Cassazione. I Giudici della Suprema Corte rimisero gli atti alle Sezioni Unite, al fine di risolvere questa spinosa questione.

Dall’ammontare del risarcimento del danno bisogna detrarre o meno il valore capitale della pensione di reversibilità erogata dall’INPS?

L’ultima parola delle Sezioni Unite

Le Sezioni Unite hanno innanzitutto rilevato che – a differenza del risarcimento del danno – l’erogazione della pensione di reversibilità non è una conseguenza diretta dell’illecito. Quest’ultimo rappresenta solo la condizione per l’ottenimento di tale sostegno economico.

La pensione di reversibilità è uno strumento di garanzia previsto dalla Legge per il sostentamento economico dei famigliari del defunto.

Pertanto, a differenza del risarcimento del danno, la pensione di reversibilità non ha una finalità di ristoro dei danni causati dall’illecito.

Rappresenta, piuttosto, l’adempimento di una promessa che l’Ordinamento ha fatto al lavoratore. Quest’ultimo nel corso degli anni ha sacrificato parte del suo stipendio affinché i famigliari potessero godere di un sostegno economico anche dopo la sua morte. La pensione di reversibilità rappresenta, quindi, un sacrificio del lavoratore che dovrà essere restituito, se non a lui, almeno ai suoi cari. Per questa ragione sarebbe ingiusto – in tutti i casi – considerare la reversibilità un vantaggio economico gratuito e sovrabbondante.

Sulla scorta di queste argomentazioni, le Sezioni Unite hanno escluso la detrazione.

Per maggiori informazioni o per richiederci assistenza vi invitiamo a contattarci su questo argomento.

Data di pubblicazione: 1 Marzo 2019

Mariasole Trotta

Laureata magna cum laude all'Università degli Studi di Roma Tre, praticante avvocato appassionata di Diritto di famiglia.

Leggi la bio