Startup Innovative senza notaio: si parte!

Startup Innovative senza notaio: si parte!

Startup Innovative senza notaio: si parte!

Dal 20 giugno 2016 è finalmente possibile costituire online, e senza l’intervento del notaio, startup innovative nella forma di società a responsabilità limitata. Tale importante novità in tema di favor legis all’avvio di attività imprenditoriali con alto contenuto innovativo è stata introdotta per mezzo del D.L. nr. 3/2015, convertito con modificazioni in Legge nr. 33/2015, ma solo recentemente sono stati emanati i decreti e le circolari attuative.

L’art. 4 comma 10bis D.L. nr. 3/2015 prevede che l’atto costitutivo di startup innovative (come definite dal D.L. 179/2012), e le successive modificazioni ad esso apportate, entrambi redatti secondo un modello uniforme, possano essere predisposti anche per mezzo di atto sottoscritto con le modalità di cui all’articolo 24 del codice dell’amministrazione digitale, in deroga alla disciplina comune dettata dal codice civile che prevede la redazione dell’atto costitutivo di società a responsabilità limitata per solo atto pubblico. Il modello uniforme informatico di atto costitutivo e statuto di startup innovativa in forma di S.r.l. è stato regolato con il Decreto Ministeriale del Ministero dello Sviluppo Economico del 17 febbraio 2016, mentre con il decreto direttoriale del 1 luglio 2016 sono state approvate le specifiche tecnico-informatiche per la redazione di tale modello standard, cui dovrà essere apposta firma digitale dei sottoscrittori.

Da un punto di vista pratico, la costituzione di startup innovativa in forma di S.r.l. senza l’intervento notarile è subordinata alla registrazione sulla piattaforma startup.registroimprese.it, per mezzo della quale i soci costituendi verranno guidati nella redazione dell’atto costitutivo e dello statuto della startup –  attività quest’ultima che sembra di difficile gestione consapevole senza l’aiuto di un legale esperto, vista la complessità del modello di statuto definito dal decreto del MiSE.

Una volta completata la procedura guidata di redazione, l’atto costitutivo e lo statuto dovranno essere sottoscritti dai soci con firma digitale elettronica, e la documentazione verrà quindi inoltrata al competente ufficio del Registro delle Imprese che, entro 10 giorni dalla ricezione della documentazione, provvederà all’iscrizione provvisoria della società nella sezione ordinaria, mentre l’iscrizione alla sezione speciale, e relativo consolidamento dell’iscrizione in sezione ordinaria, è condizionata alla duplice verifica di conformità dell’atto costitutivo al modello standard e di validità delle firme elettroniche apposte, ed all’esperimento con esito positivo dei controlli ordinari di legge.

Avv. Paola Pellini (paola.pellini@canellacamaiora.it)